´╗┐

SEC339

Digital Forensics

Corso Gold
Certificazione
La criminalità per far perdere le tracce dei delitti commessi e degli autori coinvolti ricorre sempre più spesso a strumenti informatici. Per contrastare il fenomeno tra gli investigatori cresce la necessità di figure professionali specializzate nella Digital Forensics, la branca della Criminalistica che si occupa dell'identificazione, preservazione e analisi di quanto contenuto nei sistemi informatici o telematici e che evidenzia l'esistenza di fonti di prova digitali che resistano a contestazioni circa la solidità e la capacità probatoria in ambito civile o penale. La Digital Forensics è una scienza nuova che solo nel febbraio 2008 l'American Academy of Forensic Sciences (AAFS) ha inserito nel novero delle scienze riconosciute. Il corso consente di acquisire le competenze necessarie sia al Digital Evidence First Responder (DEFR) che al Digital Evidence Specialist (DES) per lo svolgimento delle attività di sopralluogo digitale e di analisi di reperti virtuali.

Durata 3 giorni

Programma

Introduzione:
introduzione alla Digital Forensics e al concetto di prova digitale
standard ISO di riferimento
legislazione in materia di criminalità informatica.
Il Sopralluogo Digitale:
attuazione della ISO27037:2012 sulla scena del crimine informatico, attraverso lo studio delle fasi di:
Identificazione (Identification): ricerca della fonte di prova digitale
Acquisizione (Acquisition): rilievo tecnico volto a congelare la fonte di prova digitale
Repertamento (Collection): attività volta ad assicurare la fonte di prova digitale
Preservazione (Preservation): attività volta a garantire l'integrità e riservatezza della fonte di prova digitale
Validazione (Validation): conferma che sono stati rispettati i requisiti per i fini d'indagine (principio di pertinenza).
Verifica, Analisi ed Interpretazione dei dati:
uso di software, preferibilmente Open Source, al fine di attuare le principali tecniche di verifica ed analisi di reperti virtuali, secondo procedure scientificamente derivate dirette a confermare, o confutare, una tesi accusatoria
l'interpretazione è l'unica fase soggettiva dell'intero processo in cui l'investigatore fornisce valutazioni di merito alla pertinenza con il contesto d'indagine e l'uso dei dati per l'eventuale proseguimento delle indagini.
Documentazione e Presentazione:
la documentazione è l'insieme di atti e documenti volti a storicizzare le attività svolte. Tale attività è prologo della presentazione, dove lo specialista dovrà aver cura di fornire una giustificazione dell'attinenza con l'indagine della traccia informatica rilevata, ossia fornire un legame logico-deduttivo comprensibile a persone che non hanno un'elevata competenza informatica, come ad esempio Giudice, Pubblico Ministero ed Avvocato.
la professionalità sia del DEFR che del DES sarà quindi misurata anche nel saper realizzare:
una solida Catena di Custodia (Chain of Custody), ossia l'insieme di documenti che accompagnano la vita del reperto dalla sua formazione alla sua restituzione all'avente diritto o distruzione
un Verbale (art. 134 c.p.p. e seg.) di operazioni tecniche, in caso l'operatore appartenga alla PG
Referto tecnico nel caso in cui l'operatore non appartenga alla PG (es. CTU, CTU, Perito).
Cenni sulle Tecniche investigative in internet
tecniche di OSINT (Open Source Intelligence)
Sopralluogo Virtuale
tracciamento.
Il tuo IPv4: 34.229.151.87

Newsletter

Nome:
Email: