Reiss Romoli - La passione della conoscenza

Reti e Servizi di TLC

 

Sigla

Titolo

Livello

GG

Quota Iscrizione (IVA escl.)

NET020

Le Telecomunicazioni “senza formule”

5

1.980,00

NET022

Reti di telecomunicazione: servizi, architetture e protocolli

5

1.980,00

NET024

I cablaggi strutturati negli edifici e nei Data Center: progettazione e normative

•••

3

1.640,00

NET028

Evoluzione delle reti per fonia

••

3

1.490,00

NET034

Evoluzione dei Servizi e delle Reti di TLC

••

2

1.090,00

NET038

NGN (Next Generation Networks): le reti di TLC di nuova generazione

••

2

1.090,00

NET042

Televisione digitale e standard DVB

••

3

1.490,00

NET050

Fondamenti della trasmissione numerica: il segnale dall’origine al transito su una fibra ottica

3

1.390,00

NET055

Evoluzione delle reti di trasporto trasmissive: dalla SDH alla PTN

••

3

1.490,00

NEW

NET060

Sistemi di alimentazione, di emergenza e fiscalità energetica

•••

3

1.640,00

NET062

Qualità dei sistemi e dei servizi nelle reti di telecomunicazioni: parametri e misure

•••

3

1.640,00

NET064

Monitoraggio del traffico di Rete

•••

3

1.640,00

NEW

NET065

ADSL e Sistemi DSL per non tecnici

••

2

1.090,00

NET066

ADSL e Sistemi DSL: tecnologie e applicazioni

••

3

1.490,00

NET069

Sistemi DSL e Reti a larga banda

••

3

1.490,00

NET070

Diagnosi e localizzazione dei guasti nei cavi per TLC in rame

••

2

1.090,00

NET071

Misure per la caratterizzazione della linea per sistemi xDSL

••

2

1.090,00

NET073

Sviluppo della rete di accesso in fibra ottica NGAN (New Generation Access Network)

•••

5

2.480,00

Ultima modifica il Giovedì, 14 Febbraio 2013 15:37

Visite: 5591

Sigla

Citta'

Dal

Al

Quota Iscr.

Scheda

Mod.Iscrizione

NET066

da definire (*)

 (*)

 (*)

1.490,00 (+IVA)

PDF NET066

 

Modulo Iscrizione NET066

 

GOLD

 

 
NET066 ••

ADSL e Sistemi DSL: tecnologie e applicazioni

Laboratorio    

Le tecniche xDSL abilitano la trasmissione di segnali digitali ad alta velocità su collegamenti in rame della rete telefonica. Essi consentono di realizzare collegamenti a larga banda, per la fruizione di servizi multimediali interattivi, riutilizzando l’ultimo tratto della infrastruttura di rete esistente. In tal modo è possibile sfruttare la capillarità di quest’ultima fornendo accessi a larga banda ad un bacino potenzialmente molto vasto di clienti, con investimenti in rete limitati.

Nel corso vengono trattati sia gli aspetti tecnici che di servizio dei sistemi xDSL. Sono illustrate le diverse tecnologie, a partire da quelle simmetriche, quali HDSL e SDSL, principalmente rivolte ad una utenza affari, per poi approfondire quelle asimmetriche ed in particolare l‘ADSL. Per ciascuna tecnologia sono descritte le caratteristiche trasmissive e le prestazioni, oltre alle soluzioni architetturali, alle problematiche implementative ed ai servizi supportati. È prevista, inoltre, una breve esercitazione di misura su una linea ADSL, con la interpretazione dei valori che ne risultano per i vari parametri.

Agenda (3 giorni)

Verso la larga banda: i servizi multimediali interattivi.

La struttura della rete d'accesso telefonica.

Caratteristiche del doppino telefonico:

  • caratteristiche fisiche (tipi di cavi, struttura dei cavi)
  • caratteristiche trasmissive (attenuazione, diafonia).

Sistemi DSL simmetrici: architetture di rete e applicazioni: HDSL e SDSL.

Sistemi DSL asimmetrici:

  • le origini della tecnologia ADSL
  • allocazione spettrale
  • modulazione DMT e aspetti trasmissivi
  • schema del collegamento ADSL
  • ADSL G.Lite
  • stato delle normative.

Apparati ADSL:

  • il DSLAM: tipologie e configurazioni
  • apparati d’utente.

Evoluzione dell’ADSL: ADSL2 e 2+.

Aspetti di provisioning e configurazioni di rete.

VDSL e VDSL 2: reti di accesso di nuova generazione.

Architetture di rete per servizi su ADSL:

  • fast Internet
  • Voice over ADSL
  • Video over ADSL e IP TV
  • Triple Play.

Cenni alle alternative tecnologiche all’ADSL.

Aspetti commerciali.

Esercitazione: misure su una linea ADSL.

Obiettivi

Presentare la tecnologia dei sistemi xDSL e i servizi che con essi si possono realizzare utilizzando la rete di accesso in rame.

Destinatari

Ingegneri di rete e tecnici di operatori di TLC e Service Providers. Tecnici di rete delle aziende manifatturiere di apparati per TLC.

Prerequisiti

Conoscenze di base sulle reti di TLC e sulle tecniche di trasmissione numerica.

Ultima modifica il Giovedì, 14 Febbraio 2013 10:39

Visite: 12167

Sigla

Citta'

Dal

Al

Quota Iscr.

Scheda

Mod.Iscrizione

NET062

da definire (*)

 (*)

 (*)

1.640,00 (+IVA)

PDF NET062

 

Modulo Iscrizione NET062

 

GOLD

 

 
NET062 •••

Qualità dei sistemi e dei servizi nelle reti di telecomunicazioni: parametri e misure

Una buona qualità della rete è determinante ai fini della qualità dei servizi offerti all’utente finale, soprattutto nel caso di offerte multimediali.

Il corso presenta anzitutto i concetti che presiedono alla definizione ed alla valutazione della qualità intrinseca di una rete di telecomunicazioni e di quella trasferita ai servizi su di essa veicolati e fruiti dalla clientela. Sono quindi presentati i metodi di misura analitici per la qualità offerta ed empirici per la qualità percepita. A conclusione del corso è prevista una parte pratica con la realizzazione di misure di qualità.

L’impostazione del corso è flessibile, per consentire un adeguamento in funzione del livello di approfondimento richiesto e dello spazio che si voglia dedicare alle esercitazioni.

Agenda (3 giorni)

Brevi richiami sulle reti di telecomunicazione.

Qualità della rete e qualità dei servizi: definizioni di base.

Qualità offerta e qualità percepita.

Modelli di valutazione e relazioni di passaggio.

Il parametro MOS ed altri parametri soggettivi.

Parametri di qualità del processo di commutazione a circuito e a pacchetto.

Parametri di qualità nei processi trasmissivi.

Parametri alle interfacce analogiche:

  • equivalente di trasmissione (loss) e distorsione di ampiezza
  • ritardo di gruppo e distorsione di fase
  • rumore: tipi e classificazioni
  • distorsione totale
  • adattamento d’impedenza e bilanciamento
  • aliasing
  • codifiche con riduzioni di ridondanza
  • eco
  • applicazioni al servizio VoIP.

Parametri di qualità nei processi trasmissivi.

Parametri alle interfacce numeriche:

  • classificazione nella definizione di “errore”
  • classificazione del parametro BER
  • parametri “tempo-discreti” (SES, ES, DM)
  • caratterizzazione del fenomeno “jitter”.

Qualità dei collegamenti su coppie simmetriche in rame.

Qualità della trasmissione su fibra ottica.

Qualità nei terminali d’utente: aspetti di protezione e sicurezza.

Rassegna dei principali riferimenti normativi e Raccomandazioni ITU-T.

Esercitazione pratica: realizzazione di misure dei principali parametri presentati nel corso.

Obiettivi

Descrivere il concetto di qualità intrinseca di una rete e come questa viene trasferita ai servizi fruiti dalla clientela. Illustrare i metodi di misura analitici per la qualità offerta, ed empirici per la qualità percepita.

Destinatari

Ingegneri e tecnici che operano sulle reti e sui sistemi trasmissivi. Responsabili di sistemi trasmissivi.

Prerequisiti

Buona conoscenza delle reti di TLC per fonia e per dati.

Ultima modifica il Giovedì, 14 Febbraio 2013 10:36

Visite: 10238

Sigla

Citta'

Dal

Al

Quota Iscr.

Scheda

Mod.Iscrizione

NET069

Roma

05/06/13

07/06/13

1.490,00 (+IVA)

PDF NET069

 

Modulo Iscrizione NET069

 

GOLD

 

 
NET069 ••

Sistemi DSL e Reti a larga banda

La larga banda, vista la crescente necessità di migliorare le prestazioni delle reti per supportare servizi multimediali interattivi, è da diversi anni un tema di grande attualità.

Il corso fornisce una panoramica delle tecnologie e delle architetture per la realizzazione di reti a larga banda che supportino servizi multimediali e convergenti con accesso fisso. Sono brevemente illustrate le tecnologie attualmente in uso per la costruzione di una dorsale (Backbone) multiservizio ad alta capacità, sono indicate le alternative per la rete d’accesso, evidenziandone le differenze tecnologiche e prestazionali. Particolare approfondimento è dato alle tecniche DSL, attualmente le più diffuse per la realizzazione di collegamenti d’accesso ad alta velocità per clientela residenziale e SOHO. Si espongono, poi, le soluzioni in fibra ottica che hanno già trovato ampia diffusione nel sud est asiatico. Si presentano le soluzioni wireless (terrestre, satellitare e mobile), con un confronto delle prestazioni e degli scenari implementativi.

Agenda (3 giorni)

Verso la larga banda

Tecnologie avanzate per Backbone ad alta capacità

  • sistemi di trasmissione ad alta velocità sulla lunga distanza
  • Backbone IP integrato.

Il problema dell’accesso a larga banda.

La rete di accesso telefonica tradizionale:

  • caratteristiche del doppino telefonico e tipologie di cavi
  • sistemi DSL simmetrici: HDSL, SHDSL e evoluzioni.

Sistemi ADSL asimmetrici: ADSL.

Aspetti trasmissivi.

Schema del collegamento ADSL.

Architetture di servizio:

  • Fast internet
  • VoIP
  • IP-TV.

Evoluzione dell’ADSL:

  • ADSL2/ADSL2+
  • il VDSL.

Reti d’accesso in fibra ottica:

  • anelli SDH in accesso
  • PON (Passive Optical Network)
  • soluzioni metro Ethernet
  • stato dell’arte.

Tecniche d’accesso via radio: WLL e Wi-Max.

Cenni alle tecnologie via satellite.

Cenni alle tecnologie di trasmissione dati a larga banda mobili: HSPA e LTE.

Obiettivi

Alla fine del corso i partecipanti hanno una conoscenza delle tecnologie e architetture per la realizzazione di reti a larga banda.

Destinatari

Ingegneri di rete e tecnici di operatori di TLC e Service Providers. Tecnici di rete delle aziende manifatturiere e aziende installatrici di reti per TLC.

Prerequisiti

Conoscenze di base sulle reti di telecomunicazione e sulle tecniche di trasmissione.

Ultima modifica il Giovedì, 14 Febbraio 2013 10:40

Visite: 11703

Sigla

Citta'

Dal

Al

Quota Iscr.

Scheda

Mod.Iscrizione

NET064

da definire (*)

 (*)

 (*)

1.640,00 (+IVA)

PDF NET064

 

Modulo Iscrizione NET064

 

GOLD

 

 
NET064 •••

Monitoraggio del traffico di Rete

Laboratorio    

Tradizionalmente l’analisi del traffico si divide in due grandi famiglie:

  • l’analisi pacchetto-per-pacchetto, che è finalizzata alla risoluzione di problemi puntuali
  • l’analisi per flusso, ovvero raggruppando assieme pacchetti omogenei (es. appartenenti alla stessa connessione di rete), che permette invece di realizzare un monitoraggio permanente delle attività di rete.

Scopo di questo corso è di illustrare i concetti e le metriche di base nell’analisi di rete, e di analizzare i protocolli e le metodologie più comuni di monitoraggio del traffico. Saranno analizzati gli strumenti di monitoraggio del traffico più diffusi, verranno analizzati alcuni problemi reali e proposte soluzioni concrete. Alle sessioni di teoria, saranno affiancate esercitazioni pratiche sui concetti trattati, in modo da fornire una conoscenza pratica immediatamente utilizzabile.

Agenda (3 giorni)

Introduzione al monitoraggio del traffico di rete.

Metodologie di misurazione di rete: RFC 1242, RFC 2285, RFC 2432, RFC 1944, RFC 2544.

Metriche di base: throughput, latenza, pacchetti persi, jitter, throughput, disponibilità.

Misurazioni per link o end-to-end, inline o offline, attivo o passivo.

Introduzione a SNMP.

Monitoraggio di rete utilizzando SNMP: MIB II, bridge MIB, RMON, Cisco NBAR.

Monitoraggio orientato ai flussi: NetFlow, IPFIX e sFlow.

Analisi degli accessi di rete e misurazione del traffico utilizzando RADIUS.

Alcuni casi reali di monitoraggio di rete.

Cattura dei pacchetti di rete: problematiche, tap vs port span, tipologie di reti.

Librarie per la cattura del traffico di rete: libpcap e PF_RING.

Analisi del traffico basato su pacchetti: concetti di base (TCP/IP), analisi di protocolli comuni presenti in rete.

Memorizzazione e collezionamento dei dati di traffico: database SQL, raw files, RRD (Round Robin Database).

Geolocalizzazione degli host e delle comunicazioni di rete.

Utilizzo efficiente dei sistemi multi-core nell’ambito dell’analisi del traffico di rete.

La parte pratica

SNMP: Utilizzo del MIB-II per la realizzazione di semplici strumenti di monitoraggio di apparati.

NetFlow e sFlow: configurazione ed utilizzo sui più comuni apparati di rete (Juniper e Cisco), utilizzo di strumenti open source (ntop e nProbe) per la raccolta, visualizzazione ed analisi dei flussi di rete.

Memorizzazione di grandi moli di dati: DB relazionali vs DB bitmap.

Consolidamento di metriche di traffico nel tempo: RRD.

Analisi approfondita di Wireshark uno strumento avanzato per l’analisi di pacchetti di rete.

Implementazione di semplici programmi basati su libpcap per la cattura dei pacchetti di rete.

Obiettivi

A conclusione del corso i partecipanti saranno in grado di utilizzare i più comuni strumenti di monitoraggio di rete e di poter utilizzare al meglio i sistemi di analisi del traffico presenti in molti apparati di rete.

Destinatari

Amministratori e tecnici di rete (End-User, Internet Service Provider, rivenditori di apparati e società di consulenza), responsabili e tecnici di Provisioning e Operation.

Prerequisiti

Conoscenze di base di informatica e di networking.

Ultima modifica il Giovedì, 14 Febbraio 2013 10:36

Visite: 10215

Altri articoli...

  1. NET020
  2. NET022
  3. NET024
  4. NET028